Segugio bracco Italiano: un cane davvero unico!

Ti piacciono i cani segugio? Il Bracco Italiano è un cane di grandi dimensioni, robusto, muscoloso e vigoroso, caratterizzato da un pelo corto e fine. La sua testa presenta una forma distintiva, con orecchie lunghe e una mascella ben sviluppata. La colorazione del mantello può essere arancione e bianca, arancione roano, castagna e bianca, o castagna roano. I maschi adulti misurano generalmente tra i 58 e i 67 cm al garrese, mentre le femmine dovrebbero avere un’altezza compresa tra i 55 e i 62 cm. Il peso del Bracco Italiano può variare dai 25 ai 40 kg, a seconda dell’altezza individuale del cane.

Il Bracco Italiano appartiene a un tipo di cane da ferma che emerse nel tardo Medioevo, nel bacino del Mediterraneo, come risultato della selezione di cani da fiuto capaci di mostrare pernici e quaglie senza farle scappare. Questa razza si è evoluta in ciò che veniva chiamato “cane da rete”, poiché rimaneva immobile davanti alla preda, permettendo ai cacciatori di catturarla con una rete. I primi riferimenti a questo tipo di cane si trovano in opere come quelle di Brunetto Latini e Alberto Magno, e numerosi trattati lo descrivono fino al XIX secolo.

Cane bracco con vista
Cane bracco con vista – @the.bracco.and.the.sausage

Segugio: caratteristiche e personalità

Il Bracco Italiano è un cane di grandi dimensioni, robusto, muscoloso e vigoroso, caratterizzato da un pelo corto e fine. La sua testa presenta una forma distintiva, con orecchie lunghe e una mascella ben sviluppata. La colorazione del mantello può essere arancione e bianca, arancione roano, castagna e bianca, o castagna roano. I maschi adulti misurano generalmente tra i 58 e i 67 cm al garrese, mentre le femmine dovrebbero avere un’altezza compresa tra i 55 e i 62 cm. Il peso del Bracco Italiano può variare dai 25 ai 40 kg, a seconda dell’altezza individuale del cane.

Il Bracco Italiano appartiene a un tipo di cane da caccia che emerse nel tardo Medioevo, nel bacino del Mediterraneo, come risultato della selezione di cani da fiuto capaci di stanare pernici e quaglie senza farle scappare. I Bracchi Italiani sono cani intelligenti, leali e affettuosi, rendendoli adatti a vivere con bambini e ad avere buoni rapporti con altri cani. Sono particolarmente adatti alle famiglie attive che risiedono in ambienti rurali, in cui possono svolgere sia il ruolo di compagni domestici che di cani da lavoro. Sebbene siano desiderosi di apprendere e di soddisfare i loro proprietari, è importante considerare che sono anche piuttosto sensibili, e quindi l’addestramento deve avvenire gradualmente. Non sono la scelta migliore per i proprietari inesperti.

Cane bracco cucciolino
Cane bracco cucciolino – @ivythebraccoitaliano

Nel XVIII secolo, i cacciatori italiani iniziarono a selezionare e sviluppare questi cani per la caccia, utilizzandoli per inseguire, trovare e segnalare le prede. In passato, prima dell’introduzione delle armi da fuoco nella caccia, venivano impiegati anche per trasportare le prede catturate nelle reti dei cacciatori. Il primo Bracco Italiano ad essere arrivato nel Regno Unito fece la sua comparsa alla fine degli anni ’80, e attualmente la popolazione di questa razza in quel paese è piuttosto limitata.

Come molte altre razze, il Bracco Italiano può essere soggetto a vari disturbi ereditari agli occhi, alla displasia dell’anca e del gomito, che possono influire sulla sua mobilità. Di conseguenza, è fondamentale sottoporre il cane a esami dell’anca e degli occhi prima di considerarlo idoneo per l’allevamento. Il Bracco Italiano è un cane da campagna che ama lunghe passeggiate e corse all’aperto. Apprezzano anche nuotare e recuperare oggetti e, se non ricevono sufficiente esercizio fisico, possono manifestare comportamenti turbolenti. Si consiglia di dedicare loro almeno due ore di attività fisica al giorno una volta raggiunta l’età adulta.

About Pasquale Arrichiello

This author bio section can be dynamically pulled by enabling its Dynamic data option in the right toolbar, selecting author meta as the content source, add description into the Author meta field.

Lascia un commento